Parole pronunciate da un’orifizio sporco di pregiudizio

Tuo figlio si droga e non te ne sei accorta? Allora sei una mamma fallita, ti devi suicidare. Parola di prefetto. È tutto vero. Il prefetto è quello di Perugia, Antonio Reppucci. E le parole testuali, pronunciate ieri durante una conferenza stampa convocata insieme ad altre autorità istituzionali del capoluogo umbro, sono queste: “Se una mamma non s’accorge che suo figlio si droga per me è una mamma fallita. Si deve solo suicidare”. A distanza di ventiquattro ore è arrivata la dura reazione del procuratore distrettuale Antimafia di Perugia Antonella Duchini: “Mi dissocio da Reppucci. Le famiglie non devono sentirsi isolate, ma supportate e coinvolte”.

L’incontro di ieri – al quale hanno partecipato anche il procuratore generale della Corte d’Appello perugina Giovanni Galati, il questore Carmelo Gugliotta, il colonnello dei Carabinieri Angelo Cuneo e quello della Guardia di Finanza Vincenzo Tuzi – aveva l’obiettivo di smontare una volta per tutte l’immagine di “Perugia capitale della droga” che negli ultimi anni è stata venduta come un dato di fatto dai media locali e soprattutto nazionali. Solo qualche settimana fa, in piena campagna elettorale per il ballottaggio alle comunali poi vinte dal centrodestra, la trasmissione di La7 Anno Uno aveva mandato in onda un servizio che su quell’immagine insisteva vigorosamente. Da qui la volontà di rispondere di Reppucci e gli altri.

Matteo Renzi ha chiesto informazioni al ministro Alfano sulle dichiarazioni del prefetto di Perugia. Reppucci ha subito provato a chiarire che si trattava di “un gigantesco fraintendimento del senso che volevo dare alle parole. Nessuno vuole il suicidio di nessuno. Volevo solo scuotere”. Tuttavia, Angelino Alfano, definendo “gravi e inaccettabili” le parole del prefetto, ha deciso di rimuoverlo: “Non può restare lì né altrove. Assumerò immediati provvedimenti”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...